Info:


Title: Architectural Association School of Architecture Italy Visiting School 2012

Time: 22 maggio 2012
Category: Article
Views: 1956 Likes: 0

Tags: Ferrara

Architectural Association School of Architecture Italy Visiting School 2012

This article is published on CityVision Mag #6

 

Following a series of research projects initiated by AA tutors on the Italian territory, like ‘Prototyping the City’ coordinated by Claudia Pasquero and Marco Poletto in 2007 and ‘Beyond Entropy’ started by Stefano Rabolli Pansera in 2010, the renowned Architectural Association School of Architecture is now opening a series of design programs in Italy constituting a new learning network, a diffuse educational system called AAITALY.

Mission statement_ AA Italy is a new cultural platform to communicate, share and discuss the activities of the AA taking place in Italy. AA Italy offers an international platform to valuable research work conducted in Italy and/or central to Italian’s debate.

Operations_ Four AA Visiting Schools will take place in Italy in 2012, in Asinara, Milan, Ivrea and Venice. Each of these design workshops offers a unique AA design experience in a specific Italian context, where dedicated design methods, diverse Italian traditions and wild experimentation will combine to produce unexpected and challenging architectural ideas and projects.
The AA Italy platform promotes symposia, lectures and exhibitions to showcase the work produced in the past as well as the new material that will emerge in 2012. AA Italy, through its network of schools, will coordinate and manage the relationship between AA and Italian Museums, Foundations and Universities in order to develop a constant dialogue between institutions and researchers on specific themes and issues.

Method _ AA Italy will operate by means of a digital platform from which It will issue open calls for new activities, events and workshops to be initiated every year with the ambition to involve new researchers, to expand national coverage and to enrich the cultural offer.

A seguito di una serie di progetti di ricerca iniziati da docenti dell’AA sul territorio italiano, come ‘Prototyping the City’ coordinato da Claudia Pasquero e Marco Poletto nel 2007 e ‘Beyond Entropy’ iniziato da Stefano Rabolli Pansera nel 2010, la rinomata Architectural Association School of Architecture sta ora aprendo una serie di atelier di progettazione in Italia, con l’intenzione di costituire un nuovo network di ricerca avanzata, un nuovo sistema educativo diffuso denominato AA ITALY.

Obiettivi_ AA ITALY e’ una nuova piattaforma culturale che si dedicherà a comunicare, condividere e discutere le attività dell’Architectural Association in Italia. AA ITALY offre una piattaforma internazionale alle ricerche svolte in Italia e rilevanti al dibattito italiano.

Attività_Quattro sono le AA Visiting School attive nel 2012, ad Asinara, Milano, Ivrea e Venezia. Ognuna di queste scuole offre una esperienza progettuale specifica improntata al metodo di insegnamento dell’AA ed applicata ad un contesto italiano locale; metodi di progettazione innovativi, le più diverse tradizioni italiane e pura sperimentazione si combineranno per produrre proposte progettuali radicali ed innovative.
La piattaforma di AA ITALY promuove simposi, seminari e mostre per presentare il lavoro prodotto nei nuovi laboratori; attraverso il suo network di scuole sul territorio coordinerà e gestirà la relazione tra AA e Musei italiani, fondazioni ed università per poter sviluppare un costante dialogo tra istituzioni e ricercatori su specifici temi.

Metodo_ AA ITALY opererà una piattaforma digitale tramite cui lancierà una serie di concorsi annuali per nuove attivita’, eventi e atelier di progettazione con l’ambizione di coinvolgere nuovi ricercatori, espandere la copertura nazionale ed arricchire l’offerta culturale.

AAMilan_CyberGardening the City
07 July to 17 of July 2012

More on: cybergardens.aaschool.ac.uk

Director: Claudia Pasquero (AA Unit Master – ecoLogicStudio director), Marco Poletto (AA Unit Master – ecoLogicStudio director)
Scientific Committee: Luca Molinari (architectural critic and curator), Simona Galateo (architectural critic and curator)
Tutors&Lecturers: Lucy Bullivant (architectural critic and curator), Marco Verde (ALO architecture), Andrea Bugli (ecoLogicStudio – Parametric Designer), Immanuel Koh (Zaha Hadid – Computational Designer).

——————————

We grow food fast, we eat fast, we diet fast or we could say, ‘we waste fast’.
What is the future of food consumption, and what form will the new urban landscape of food production take? Can we imagine environments of novel culinary exploration, engineered from the hybridization of traditional Italian practices, rites and festivals with contemporary digital design technologies, prototyping protocols and bio-gardening techniques?

‘Cyber-GARDENing the city’ proposes a bio-architectural design laboratory where new digital and physical cultivation practices are explored as a mean to assess the future of urban agriculture and its potential to evolve into the synthesis of new bio-architectural landscapes and radical urban lifestyles. The teaching model of the lab is grounded in the experimental tradition of the AA and the design philosophy of ecoLogicStudio, who will curate the event and co-run the design workshop.

After setting up our urban LAB in Milan we will embark in a series of exploration trips and gardening experiments around the emerging bio-farming network of Milan Parco Sud, site to 2015 World Expo; the aspiring cyber-gardeners will be able to explore and invent new hybrid design practices by combining Applet design with distributed urban sensing, computational parametric design with hydroponic cultivation, and digital animation with critical narrative. The final outcome will be a single 1:1 prototypical space for the discussion and re-definition of urban agricultural services and supply chain.

The workshop will be supported by a series of seminars, cooking sessions with invited chef and dedicated algorithmic modeling and prototyping tutorials.

We grow food fast, we eat fast, we diet fast or we could say, ‘we waste fast’.
Qual è il futuro dell’alimentazione? Quale forma assumerà il nuovo territorio urbano legato alla produzione del cibo? Possiamo immaginarci nuovi spazi di esplorazione culinaria, ingegnerizzati dall’ ibridazione delle tradizioni italiane, dai riti e dalle sagre, tramite l’utilizzo di tecniche di disegno digitali contemporanee, protocolli di prototipazione rapida e pratiche di bio-giardinaggio?
‘Cyber-GARDENING the city’ propone una nuova forma di laboratorio bio-architettonico in cui pratiche di coltivazione digitale ed organica sono esplorate come opportunita’ per stimolare future trasformazioni dell’agricoltura urbana e le sue possibili evoluzioni in un nuovo paesaggio bio-architettonico. Il metodo di insegnamento dell’atelier è basato sulla tradizione sperimentale dell’AA e sulla fisolosofia progettuale di ecoLogicStudio, che cura l’evento.
Dopo aver stabilito il nostro Atelier urbano nel centro di Milano, partiremo per una serie di esplorazioni attraverso il network emergente di cascine di Milano Parco Sud, sito dell’Expo 2015; gli aspiranti cyber-gardeners saranno chiamati a proporre progetti ibridi combinando l’elaborazione di Applets per Smart Phone con sistemi di rilevazione e mappatura urbana, il design parametrico e computazionale con la coltivazione idroponica, le animazioni digitali con approfondimenti critici e giornalistici. Il tutto si concretizzerà nella prototipazione di uno spazio in scala 1:1 che stimoli la discussione sull’agricoltura urbana e la relativa filiera distributiva.
Il workshop sarà integrato da seminari, sessioni di cucina con chef e lezioni dedicate di progettazione algoritmica e prototipazione rapida.

AAIvrea_Factory Futures
16 July to 27 July 2012

More on: ivrea.aaschool.ac.uk

Director: Tommaso Franzolini (AA graduate – Studio Franzolini)
Tutors: Federico Rossi (AA graduate – London Southbank University – Bloomlab), Edmondo Occhipinti (Director – Gehry Technologies Europe), Pierre Cutellic (E.N.S.A.P.M.- Gehry Technologies Europe), Benedetta Gargiulo Morelli (AA graduate – AnzuStudio)

——————————

Adriano Olivetti believed that industry was inseparable from society: in Ivrea the factory became the focus for a new form of community that could counteract the atomisation of modern society. Today, the Olivetti productive facilities are defunct and its factories are relentlessly transformed in call centres and generic workplaces for the so-called knowledge economy.
By cross sectioning through critical theories, labour science, and advanced technological applications we aim to generate a new architectural discourse over the Italian productive landscape.
Our initial hypothesis concerns a scenario where living and working conditions are increasingly merging. By looking at the phenomenon of “living & working” within the social and economic transformations of labour itself, we will investigate a scenario where the typological definitions of factory, office and residential can be radically revisited. This year, workshop participants will be asked to explore the evolution of the former Olivetti “Nuova ICO” factory into a prototypical live/work environment.
The course will introduce participants to advanced computational and fabrication techniques as a way to develop new architectural sensibilities through the control of its production systems: prototypes will be developed using a custom-written application of Digital Project led by Gehry Technologies tutors to enable participants to engage with parametric thinking and relate this back to prototyping techniques through a dedicated digital fabrication workshop. Architectural components will be built at a 1:1 scale through the use of robots and numerically controlled machines.
It is our intention to explore parametric complexities while remaining largely compatible with the quotidian and generic qualities of our historical context: we are 50% Modern, 50% something else.
Adriano Olivetti riteneva che l’industria fosse inseparabile dalla società: a Ivrea la fabbrica divenne il punto di riferimento per una nuova forma di comunità in contrasto con l’automizzazione della società moderna. Le strutture produttive dell’ Olivetti a Ivrea sono oggi defunte e in costante trasformazione in call center e luoghi di lavoro generici per la cosiddetta economia della conoscenza.
Attraverso una sezione trasversale tra teorie critiche, scienza del lavoro, e tecnologie avanzate il nostro obiettivo è di generare un nuovo discorso architettonico sul landscape della produzione italiana.
La nostra ipotesi di progetto riguarda uno scenario in cui le dimensioni della vita e di lavoro sono sempre meno distinte. Osservando il fenomeno live/work all’interno delle trasformazioni sociali ed economiche del mondo del lavoro, ci concentreremo su un futuro prossimo in cui le definizioni tipologiche di fabbrica, ufficio e residenza possano essere radicalmente rivisitate. Quest’anno, i partecipanti si confronteranno con l’evoluzione dell’ex fabbrica Olivetti Nuova ICO in un prototipico ambiente live/work.
I partecipanti lavoreranno attraverso tecniche di progettazione e fabbricazione digitali avanzate, atte a sviluppare una nuova sensibilità architettonica attraverso il controllo dei suoi sistemi di produzione: i prototipi saranno sviluppati con un’applicazione customizzata di Digital Project condotta da Gehry Technologies in modo da sviluppare un pensiero parametrico e relazionarlo con tecniche di prototipazione attraverso un workshop di fabbricazione digitale. I componenti architettonici saranno costruiti in scala 1:1 attraverso l’uso sperimentale di robot e macchine a controllo numerico.
E’ nostra intenzione esplorare la complessità parametrica restando largamente compatibili con la quotidianità e le qualità generiche del nostro contesto storico: siamo 50% moderni, 50% qualcos’altro.

Ulteriori informazioni su: ivrea.aaschool.ac.uk

AAVenice_Beyond Entropy Europe
3 September to 13 September 2012

‘Tradition is not the cult of ashes but the custody of fire.’
Gustav Mahler

more on: www.beyondentropy.com

Director: Stefano Rabolli Pansera (AAHons)

——————————

The Visiting School in Venice (developed in association with Fondazione Giorgio Cini and La Biennale di Venezia) is part of Beyond Entropy’s continuing investigation into the relationship between energy and form ().
Territorial development in the Venice region is in a period of stasis. Economic, political and social forces have reached a level of saturation and immobility. Urban, natural and agricultural areas are no longer distinct, but have been compromised through a series of annexations and crossovers that have created an endless entropic landscape – northern Italy’s sprawl.
We will study the historical development of the relationship between Venice and the ‘terra ferma’, from Palladio to Studio Secchi Viganó, immersing ourselves in this region and proposing new ways to document and understand the urban sprawl. In contrast to the notion of ‘sightseeing’, the idea of ‘visiting’ offers direct spatial experience of the diffused city. Each participant in the Visiting School will become a detective, a forensic observer wandering, observing, documenting and collecting evidence of the dissipation of traditional forms of urban density and occupation.
After a visit to the Biennale, participants will be challenged with specific architectural tasks: How to map the daily transformation of the suburbs of Venice? How to represent the boundary of the city in the horizon of such endless urbanity? How to identify spaces for production and spaces for consumption? We will work individually and use video, performance, drawings and models as tools to survey and document the entropic landscape around Venice. We will produce an architectural survey in the form of prototypes that will be exhibited in a pop-up exhibition at the Fondazione Giorgio Cini in September.

La Visiting School di Venezia (sviluppata in associazione con la Fondazione Giorgio Cini e La Fondazione Biennale di Venezia) fa parte della ricerca di Beyond Entropy sul rapporto fra il concetto di energia e quello di forma.
Lo sviluppo territoriale nella regione del Veneto sta vivendo un momento di stasi. Le forze sociali, politiche ed economiche hanno raggiunto un livello di saturazione ed immobilità. Le zone urbane, agricole e naturali non sono più separate ma son compromesse attraverso una serie di annessioni, incroci, sovrapposizioni che hanno determinato un paesaggio entropico senza soluzione di continuità – la città diffusa dell’Italia Settentrionale.
La Visiting School analizza la relazione fra Venezia e la “terra ferma” nel suo sviluppo storico, da Palladio alle proposte dello studio Secchi Viganó, e invita i partecipanti ad immergersi in questa regione per proporre nuovi metody per documentare e comprendere la città diffusa.
L’aspetto di “visiting” e’ sviluppato in contrasto con il concetto di visita gudata; infatti il visitare che la scuola vuole utilizzare si affida all’esperienza spaziale diretta della citta’ diffusa.
Ogni partecipante diventerà un detective, un osservatore forense che si aggira, osserva e documenta e raccoglie le prove del dissiparsi delle forme tradizionali della cittaà e del suo utilizzo.
Dopo una serie di visite alla Biennale, i partecipanti saranno invitati a cimentarsi con precisi problemi architettonici: come mappare le trasformazioni che quotidianamente cambiano le zone sub-urbane? Come rappresentare il confine di questa città all’interno di un orizzonte di urbanizzazione totale? Come identificare spazi per la produzione e spazi per il consumo?
I partecipanti lavoreranno singolarmente ed in gruppo con una grande diversità di media: video, performance, disegni e modelli come strumenti per mappare e documentare il paesaggio entropico intorno a Venezia.
Il risultato finale del corso sarà una narrazione architettonica della città diffusa nella forma di prototipo che sarà esposto in una mostra temporanea alla Fondazione Giorgio Cini a Settembre.

 

Have a look at this article on CityVision Mag #6

Info:


Title: Architectural Association School of Architecture Italy Visiting School 2012

Time: 22 maggio 2012
Category: Article
Views: 1956 Likes: 0

Tags: Ferrara