Info:


Title: The city of dreams

Time: 6 marzo 2013
Category: Article
Views: 3012 Likes: 1

Tags: 3gatti , cityvision mag , francesco gatti , Sick & Wonder

The city of dreams

ext Francesco Gatti

The sense of disgust is a bit everywhere in Shanghai. All you need to do is to stay awake to enjoy it in all its inevitable greatness. Very aware, you walk through the streets that are full of little men all dressed the same, all happy and all very serious. Starting with clothing disgust is born from the bottom, shiny mocassins with white terry cloth socks, trousers with a rigorously ironed crease down the middle, a Ferragamo belt with a shiny gold buckle, a shirt with an Armani logo and shoulder pads that are always a size too big.

From the construction worker to the entrepreneur to the political leader, they all dress the same, formal: disgust and seriousness. Going higher up you get to the look, a look not particularly passionate composed of two eyes connected through a nerve bundle to a soggy mass called brain, if you stop and inspect this organ you can observe the presence of a chip with a bas-relief with the symbol of Mao Zhedong, the same that is found on Chinese banknotes. The chip naturally gives everyone the same sequence of commands: work, marry, have a son, rejoice in counting paper money, don’t be violent and respect the law: disgust and happiness.

The Chinese thinks he is Chinese, he thinks he’s happy, thinks he’s a serious person. But this ego is infact nothing but an illusory mask created by the chip that has nothing to do with his real, original, wonderful self.

Wonder in Shanghai is a bit ‘everywhere. Just bring down the darkness to enjoy all of its inevitable greatness.

Returning to our Chinese with the “brilliant” glare “, you will notice that after his evening ration of food and CCTV he goes to bed very early eager to get into his wonderful dream world where only the true self is protagonist.

A kiss to his wife, the lights go out and …

the chinese man is …

in a limousine, beside him a hottie with golden curls, her clothes are in bright colors and even his face looks new, almost western, with big sideburns and hair pulled back.

She takes a bit ‘of cocaine with a spoon and puts it in his ears.

They kiss. A goldfish out of water gasping.

She climbs on top, the driver continues to drive indifferent, they make love tearing the colors of their clothes.

Four soldiers are pulling a crocodile from a manhole.

The limousine stops in his factory. It’s an art factory, in an assembly line people use their bare ass filled with ink to mark the paintings that flow on the conveyor belt.

A clown with a cardinal’s hat is followed by a horde of dwarves dressed as Santa Claus, people applaud the clown climbs onto the elephant and reaches the toy factory.

Snipers on the roof are ready to shoot.

The clown takes off his makeup and turns out to be a severe woman, ready for an inspection at the factory.

The workers are all old men, building toys for war. They also produce comic books and other toys that may affect the child’s mind to make him hate what will be the next enemy in fifteen years time.

The founder of the factory is the father of the chinese man, the creator of his business empire. He’s old deaf and blind as well. Before making a decision he consults his wife, the mother of the chinese man, he puts a hand on her vagina and if it is wet it’s a “yes”, if it is dry it’s a “no”. All the women in the factory are beautiful and they are all wives of the chinese man. They make love with him only during working hours so that he can promote them to secretaries. The old lady with the green hair and green pussy is pissing, humming, she then takes a python out of the cradle puts it in a coloured sock and starts rocking it. The beep of the siren sounds, the president wants to meet her, he wants his green haired financial advisor to report to him: “ To save the nation’s economy we will have to kill four million people over the next four years” he thunders loudly. The President seems not to worry, he picks up the phone and orders, “ start the gas chamber operations; gasify schools, universities, libraries, museums, and so on.” Suddenly there’s a naked man on an altar, lying spread – eagled and tied up the Executioner comes amidst the audience’s screams and with a pair of scissors he cuts the mans balls off, the audience exults as the unfortunate man screams. Then a page appears and takes the tescticles to a glass showcase where thousands of other testicles are preserved in glass ampoules. The soldiers try to suppress the insurgency spraying blood on the crowd. the executions begin; prisoners against the wall are waiting to be shot. At the first shot, paper confetti explode from the bullet hole, at the second, yellow smoke, the third, a strip of red cloth, the fifth, two red apples, the sixth, watermelon pulp, the seventh, a dove flies away. On the streets, blue blood is flowing from the dead peoples ears. Here comes the architect, his house is labyrinthine and his children are all dressed as mickey mouse. He regrets now that he has designed a residential area equipped with gardens, homes with large windows, heating systems, water and light. he confesses at once that the project was a bad idea that caused investors a great loss of money; man has no need for a house, all he needs is a roof over his head, if only we could sell the idea of the “roof ” I could make my clients earn milions. The investors applaud and he continues to unfold as a giant penis is brought before the feast, and the model of the new residential area is shown amongst the general consensus: it is a three-dimensional grid formed by caskets put one above the other. Beep

beep beep!

The alarm sounds. It’s seven o’clock, the chip wakes up and the Chinese are about to face another day under the will of it’s disgusting society

Il disgusto a Shanghai è un po’ ovunque. Basta stare svegli per goderne di tutta la sua inevitabile grandezza.

Molto sveglio, cammini per le strade colme di omuncoli vestiti tutti uguali, felici tutti uguali, molto seri tutti uguali. A partire dal vestiario il disgusto nasce dal basso, partendo dai mocassini lucidi con calzino bianco di spugna, pantalone rigorsosamente stirato con la riga in mezzo, cinta lucida di Ferragamo con fibbia dorata, camicia con simbolo di Armani e giacca con spalline sempre di una misura più grande. Dall’operaio in cantiere all’imprenditore o dirigente politico, si vestono tutti cosi, formali: disgusto e serietà. Andando più in alto si arriva allo sguardo, uno sguardo non particolarmente passionale composto da due occhi collegati tramite fascio nervoso ad una massa molliccia chiamata cervello, se ci si soffrema e si ispeziona quest’organo si potrà notare la presenza di un chip con in bassorilievo il simbolo di Mao Zhedong, lo stesso che si trova sulle banconote cinesi. Il chip naturalmente dà a tutti la stessa sequenza di comandi: lavora, sposati, fai un figlio, gioisci nel contare le banconote, non essere violento e rispetta il governo: disgusto e felicità. Il cinese pensa di essere cinese, pensa di essere felice, pensa di essere una persona seria. Ma in realtà questo suo ego non è che una maschera illusoria creata dal chip che non ha nulla a che vedere con il suo vero, originale, meraviglioso io. La meraviglia a Shanghai è un po’ ovunque. Basta far calare le tenebre per goderne di tutta la sua inevitabile grandezza. Tornando al nostro cinese dallo sguardo “geniale”, si potrà notare che dopo la sua razione serale di cibo e di CCTV si va a coricare molto presto impaziente di entrare nel suo meraviglioso mondo onirico dove è solo il vero io a farla da padrone.

Un bacio alla moglie, le luci si spengono e…

…il cinese sta dentro una limusine, accanto a lui una bonazza dai riccioli d’oro, i suoi vestiti sono di colori sgargianti e anche la sua faccia sembra nuova, quasi occidentale, con grandi basettoni e capelli tirati indietro.

Lei prende un po’ di cocaina con un cucchiaino e la infila nelle sue orecchie.

Si baciano.

Un pesce rosso fuor d’acqua boccheggia.

Lei gli monta sopra, l’autista continua a guidare indifferente, fanno l’amore strappando i colori dei loro vestiti.

Quattro militari stanno tirando fuori un coccodrillo da un tombino. La limousine si ferma nella sua fabbrica. È una fabbrica d’arte, in una catena di montaggio persone nude usano le loro chiappe piene di inchiostro per marcare le tele che scorrono sul rullo trasportatore. Un clown col cappello da cardinale è seguito da un’orda di nani vestiti da Babbo Natale, la gente li applaude, il clown sale su un elefante e raggiunge la fabbrica di giocattoli. I cecchini sul tetto sono pronti a sparare. Il clown si leva il trucco e si scopre essere una donna severa, pronta per la sua ispezione alla fabbrica.

Gli operai sono tutti vecchietti, costruiscono giocattoli per la guerra. Producono anche fumetti e altri balocchi che possano condizionare la mente dei bambini per fargli odiare quello che sarà il prossimo nemico tra quindici anni.

Il fondatore della fabbrica è il padre del cinese, il creatore del suo impero economico. È vecchio, sordomuto e pure cieco. Prima di prendere una decisione si consulta con sua moglie, la madre del cinese, gli mette una mano sulla vagina e se è umida è un “si”, se è secca è un “no”.

Tutte le donne della fabbrica sono belle e sono tutte le mogli del cinese. Fanno l’amore con lui solo durante le ore lavorative cosi che lui le possa promuovere a segretarie. La vecchia dai capelli verdi e dalla passera verde sta pisciando, canticchia, poi prende il pitone dalla culla e lo infila dentro un calzino colorato per poi cullarlo. Ma il beep della sirena suona, il presidente la vuole incontrare, vuole avere il report dalla sua consigliera finanziaria dai capelli verdi: “per salvare l’economia della nazione dovremmo uccidere quattro milioni di cittadini nei prossimi quattro anni” tuona ad alta voce. Il presidente pare non turbarsi, alza la cornetta e ordina: “iniziate le operazioni delle camere a gas; gasificate scuole, università, librerie, musei, eccetera”. Improvvisamente c’è un uomo nudo, sopra un altare, legato, sdraiato a gambe divaricate, il boia arriva tra le urla del pubblico e con delle forbici gli taglia le palle, il pubblico si esalta tra le grida dello sfortunato. Poi il paggio porta i testicoli nella bacheca in mezzo a migliaia di altri testicoli conservati in ampolle di vetro sotto spirito. I soldati cercano di reprimere l’insurrezione spruzzando sangue sulla folla. Iniziano le escuzioni; i prigionieri spalle al muro attendono di essere fucilati. Al primo, il buco della pallottola fa uscire coriandoli, al secondo, fumo giallo, al terzo, un nastro di stoffa rosso, al quinto, due mele rosse, al sesto, polpa di anguria, al settimo, una colomba che vola via. I morti per le strade hanno rubinetti di sangue blu che gli escono dalle orecchie. Ecco arrivare l’architetto, la sua casa è labirintica e i suoi figli sono tutti travestiti da topolino. Si pente subito di aver progettato un quartiere residenziale fornito di giardini, case con ampie finestre, sistema di riscaldamento, acqua e luce. Confessa subito che era un progetto sbagliato che ha fatto perdere molti soldi agli investitori; un uomo non ha bisogno di una casa, necessita solo di un tetto, se riuscissimo a vendere l’idea del “tetto” potrei far fare milioni a i miei clienti. Gli investitori applaudono e lui continua a spiegare mentre un pene gigante viene portato al cospetto del banchetto e il plastico del nuovo centro residenziale viene mostrato tra il consenso generale: è una griglia tridimensionale formata da bare messe una sopra l’altra.

Beep beep beep!

Suona la sveglia. Sono le sette, il chip si riattiva e il cinese si appresta ad affrontare un’altra giornata sotto il volere della sua disgustosa società.

www.3gatti.com

Info:


Title: The city of dreams

Time: 6 marzo 2013
Category: Article
Views: 3012 Likes: 1

Tags: 3gatti , cityvision mag , francesco gatti , Sick & Wonder