Fabbricare Fiducia_Architettura #58 | Semper | Valentina Radi

ffa-stefano-paci

Come immagini il mondo dell’architettura dopo l’attuale crisi virale?

Se chiudo gli occhi diventano carne le ossessioni che pervadono le personali riflessioni sul progetto d’architettura, per le quali è ovvio affermare che il suo esito è un fatto umano, ma è diventato sempre meno evidente vedere corpi costruiti e ascoltare descrizioni di sostruzioni come compimento autentico di un’armonica e innaturale prassi imposta sul paesaggio per addomesticarlo e occuparlo: è ora di sincerità. Opere da escludere o accogliere, che nel tempo si trasformano e in cui si manifestano tutte le nostre vite precedenti, sintesi di un percorso ineludibile, in cui la teoria legge la prosecuzione e permanenza delle componenti fondamentali dei nostri viaggi, le continue origini e gli elementi di eternità, necessari per rivelare il finito della nostra esistenza e riconoscerci. Ora che la vita privata è forzosamente fissa nello spazio cinto e quella pubblica è racchiusa in un monitor, dopo l’abbandono delle piazze e delle strade, alle quali ci riaffacceremo con timidezza, dovremo pensare al nuovo senso temporaneo di quei corpi edilizi, dei tracciati delle nostre città, al carattere e al valore delle soglie e alle prossime forme che si uniranno alle strutture. Risuona Rètimmo di Michalis Pierìs:

“[…] Questa è la città dove cammini
e il tuo corpo nel muoversi s’adegua
a ritmi che furono una volta, prima
che la città cadesse, fiore piegato […]”

Appartenenze che ci fanno riflettere e ci introducono ai livelli di presente come adattamento ed exaptation evolutiva di avanzamenti dati da un nostro attento ascoltare e osservare, accostando con cura i nostri dilatati sensi, partecipando a quanto la società deciderà di fare per sé stessa, e donando sostruzioni diretto specchio dei prossimi valori esistenziali dell’abitare come ritualità del vivere domestico e pubblico. Ridisegneremo un patrimonio mescolato di materiale naturale e artificiale, che si confronterà con la coscienza emotiva di ciascuno, il paesaggio e l’innovazione portata dalla robotica, meccatronica, fisica quantistica, in cui il progetto continuerà a essere processo di sintesi avvalendosi dei punti essenziali di: orientamento, piani, colore e ornamento, riscoprendo il valore del suo tempo e del tempo di cantiere. Toglieremo le aggettivazioni a obiettivi e azioni, perché costruire è salus come afferma Vitruvio, sintesi definita nel progetto di spazio attraverso luce e materia, riconoscibile nei modelli positivi in corso e vivi nel coraggio di demolire, ricostruire e rigenerare l’edilizia per omeostasi di spirito, corpo e relazioni. Poniamo il volto a favore di quel vento che distribuisce le nostre opere e l’agire, l’invisibile determinante di forza e brezze, che ci riporta su ciò che è rimasto in attesa, e prendiamoci il tempo per rileggerle la nostra disgregata disciplina con autenticità e decisione, anche attraverso i messaggi dell’arte e i corpi della natura. Attendiamo sospesi di conoscere quelli che saranno gli obiettivi dell’uomo singolare, come committenti, costruttori, imprenditori, uomini dell’economia, amministratori e legislatori, a loro è dato determinare concretamente le opportunità del fare, rispetto al nostro ampio immaginare.

ffa

Valentina Radi. Architetto. PhD. Docente di Teorie della Ricerca Architettonica Contemporanea al Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara. Afferisce alla sezione Architettura del centro Ricerche Architettura>Energia, la sua attività volge l’interesse all’architettura nelle regioni mediterranee e da alcuni al tema all’abitare. È referente della ricerca Vitruvio e l’abitare contemporaneo. Partecipa a convegni nazionali e internazionali è autrice di volumi, capitoli di libro e articoli scientifici in riviste di settore. Fra gli ultimi lavori il contributo in Il Cielo di Roma di Alfonso Femia e IQD 50 Special Edition Mediterranei Invisibili curato da Alfonso Femia e diretto da Roberta Busnelli. Al 24° Incontro Ischitano di Architettura Mediterranea presenta Ritratti di impalpabili narrazioni mediterranee.

 

Info:

Info:


Title: Fabbricare Fiducia_Architettura #58 | Semper | Valentina Radi

Time: 20 aprile 2020
Category: Article
Views: 1104 Likes: 0

Tags: -