Fabbricare Fiducia_Architettura #75 | A colori | Massimo Gennari

uffizi-1968-sb

Come immagini il mondo dell’architettura e la sua professione dopo l’attuale crisi virale?

 

Il vecchio Gelso è ancora li.

C’è da un paio di secoli. Lo frequento dal tempo degli studi d’Architettura. Alla fine dei settanta segnava i margini di una grande aia di un’altrettanto maestosa Leopoldina. Due piani; 18×18, altezza quasi 8 che con la colombaia al centro toccava i 15; con 9 stanze a piano di cui una occupata dalla scala avvitata al forno e recinta dal ballatoio con gli archi ogivali. A quel tempo ero infatuato della casa che avevo in locazione insieme agli amici del paese per innocenti intrattenimenti danzanti e altro. L’amore per quei muri era tanto potente che, in un impeto artistico mai più coltivato, ci lasciai un murales copiato par pari dal logotipo di una celebre band di quel periodo.

Credo sia ancora li.

Il casamento invece, assalito dal tempo e dall’incuria degli uomini, è crollato miseramente su se stesso. La vegetazione l’ha invaso e vinto. Quasi come è successo con la Pandemia dell’anno scorso quando prima han dato colpa ai gialli, poi ai bianchi, ai neri, ai rossi e via con l’arcobaleno. Forse è stata proprio questa successione di colori che l’ha sconfitta. Spazzata sotto terra come la grotta scavata sotto il cortile. Quella che un tempo serviva a nascondere i salumi dal padrone e dopo i partigiani dai tedeschi. Un cubo voltato a mattoni proprio sotto le radici dell’albero secolare.

Spero sia ancora li.

Ci voglio rifondare la professione. Penso ad un posto di lavoro per giovani e non. I modelli cui attingere sono molteplici. Ma per questo c’è tempo. Adesso progetto il luogo. Mi seggo per terra appoggiato al tronco. Cavo dal saccapane il quaderno nero A5 e la penna punta fine. Disegno una catasta di rovi e pietre, un aia intorno e sui bordi piante di Gelso. Ma tante: Alba, Nigra, Rubra e anche Notabilis, Australis, Japonica, Mongolica, Insignis e via. Per sconfiggere i pregiudizi.

Tutte le varietà li.

Dopo di ché il Laboratorio. Tre piani, per dirla con PDF, “vincoli (ma) sparpagliati”: la grotta, il piano terra aderente al fusto inglobandolo in punta di piedi e la casa sui rami. Pietra, legno e vetro a chilometro quasi zero. Una fattoria del progetto cablata, virtuale e molto fisica ma non solo. Una sorta di bottega del quattrocento dove tutti gli attori stanno alla pari. Dove l’estetica si sposi all’etica. Creta, Www e Lapis. E poi a seguire, secondo il correre delle stagioni e il passo delle piantumazioni, le aggiunte a delineare un volume pieno d’aria pari al cortile degli Uffizi: 17,50 x 156,50 x 23,50.

Li, proprio li. A colori.

mg

Massimo Gennari | Terranuova B.ni | mgaopvsio@gmail.com

1958, Architetto, Laureato con lode con prof. A. Natalini, FI 1984. Ho insegnato: Disegno industriale, Laba, FI 11-16; Allestimento e Architettura, Università di Firenze, FI 05-09 e 96-97. Attività di ricerca, FI 1985-1999, assistente e cultore della materia. Sono curatore di volumi, redattore di  riviste, autore di articoli. Sono vincitore di concorsi di progettazione di architettura e design e curatore di mostre e allestimenti. Scrivo racconti di architettura. Vivo e lavoro lungo la valle dell’Arno tra Firenze e Arezzo.

Info:

Info:


Title: Fabbricare Fiducia_Architettura #75 | A colori | Massimo Gennari

Time: 23 aprile 2020
Category: Article
Views: 347 Likes: 3

Tags: -