Fabbricare Fiducia_Architettura #106 | La Bellezza salverà il mondo | Gaël Glaudel

julia-jamrozik-coryn-kempster-dialogue-fileminimizer

 

Come immagini il mondo dell’architettura dopo l’attuale crisi virale?

 

La Bellezza salverà il mondo: verso un nuovo approccio sociale all’Urban Design. La nostra società è contemporanea nell’accezione di “insediata nel nostro tempo”, ma evidentemente, a causa dell’evoluzione della tecnologia, degli spostamenti e delle interazioni, non conseguentemente adeguata in materia di valori e opportunità. Viviamo in un mondo frenetico, dove le possibilità sono pressoché infinite, ma allo stesso tempo l’individuo ha perduto parte della sua “innocenza”, spersonalizzandosi in una realtà troppo veloce rispetto ai ritmi sostenibili, preda di stereotipi sociali, violenze e traguardi irraggiungibili L’infausta svolta portata dalla diffusione dell’epidemia di Covid-19 non ha fatto che acuire tale situazione, aumentando la distanza sociale, togliendo il contatto e provocando il temporaneo abbandono dei “luoghi della città”. Un buono stipendio, città pulite ed accoglienti dove vivere, rapporti con altri individui sono fondamentali per il benessere, e ogni società tende a difenderli; ma questi possono venir meno nel momento storico che stiamo vivendo, e così un lavoro retribuito ma non soddisfacente, che comporta orari inflessibili e numerosi spostamenti, la paura che ci fa allontanare il diverso, l’inadempimento di politiche urbane che rendano più vivibile l’ambiente cittadino compromettono la salute e l’integrità psicofisica dell’individuo. Il problema sostanzialmente quindi si materializza nella perdita di individualità del singolo, costretto dalla società ad essere parte della massa, sottostando alle sue leggi, non più in grado di pensare liberamente. L’importanza degli spazi pubblici è fondamentale, e la disciplina paesaggistica deve confermarsi fautrice di un recupero di questi, tramite una corretta progettazione per la fruizione più adeguata. Questi spazi delimitano quel confine fra l’ambiente privato e quello pubblico, sono luogo d’incontro e ristoro e necessariamente devono permettere al singolo di ritrovare quell’integrità perduta. Proprio per questo una delle modalità che viene proposta è quella derivata dal rapporto sempre più stretto fra arte e paesaggio.
I progetti di design urbano devono al giorno d’oggi, in una prospettiva contemporanea, essere affrontati nel rispetto di quei
valori quali l’ottica ecologista, il recupero di un’estetica e l’approccio artistico alla progettazione.
L’ultimo riassume in sé i restanti due, in quanto l’arte oggettivamente si incarica di essere promulgatrice di valori ambientali (fra gli altri), e conduce immancabilmente alla definizione di un’estetica propria a seconda della formazione del progettista. L’arte funge quindi da mediatrice fra l’individuo e il luogo, trasformando quest’ultimo e permettendogli di acquisire una vera e propria riconoscibilità, una forma identitaria che poi potrà essere percepita dal singolo e dalla comunità. Dostoevskij scrisse -la bellezza salverà il mondo-, l’autentica bellezza, raggiungibile tramite questo connubio artistico e di urban design, può portare davvero a cambiare le nostre città, nella speranza di donare nuovi valori alla società.

gael-glaudel_photo-profile

Gaël Glaudel. Architetto del paesaggio, inizia il suo percorso di studi al Politecnico di Milano, laureandosi in Architettura ambientale e in seguito a Firenze, con una tesi vertente sul rapporto fra arte e paesaggio, argomento che continuerà a portare avanti fra i suoi temi di ricerca. Lo stesso anno partecipa ad un viaggio di formazione ed approfondimento in Cina, nel quadro dell’accordo di cooperazione scientifica internazionale, sviluppando interesse per il giardino cinese tradizionale e le influenze sul progetto contemporaneo. Redattore di Landscape First (uno spazio culturale aperto, formato da ricercatori universitari e professionisti nel campo dell’Architettura del paesaggio che intendono diffondere una cultura europea, moderna e innovativa, del paesaggio e la consapevolezza del diritto alla Bellezza per tutti gli abitanti della città del XXI secolo), si occupa della programmazione editoriale, della comunicazione, della ricerca e della stesura di articoli.

 

 

Info:

Info:


Title: Fabbricare Fiducia_Architettura #106 | La Bellezza salverà il mondo | Gaël Glaudel

Time: 28 aprile 2020
Category: Article
Views: 359 Likes: 0

Tags: -